NoHacked e le Tecniche Seo di Black Hat

Negli ultimi tempi vediamo che a Google è a cuore la “salute” dei siti web all’interno del suo indice. Con questo non dico che a Big G prima non interessava ma ora, vediamo un rafforzamento attraverso la campagna #Nohacked per migliorare la salute mondiale dei portali che si affidano a CMS. [Part 1, Part 2, Part 3]

Ma perché tutto questo? Quale è il legame del #NoHacked , Google e il ranking dei siti?

 Vi espongo subito la mia idea/opinione al riguardo e almeno, non ci pensiamo più.
Google, non riesce a “capire” e quindi non riesce a mettere in atto penalizzazioni a siti dove, chi crea artificilamente la linkbuilding utilizza, tecniche di Balck Hat sfruttando le vulnerabilità dei CMS (WordPress, Joomla ecc.ecc.)

Andiamo subito a vedere gli esempi pratici.

Analizzo molto spesso le Serp per quanto riguarda il dating online ed, eccomi qua.

Strumenti da utilizzare: un browers e un plugin per lo switch dell’user agent!

Io utilizzo FireFox 39 (scaricabile qui) e il Plugin User Agent Switchter (scaricabile qui).

Il tutto è partito da SearchMetric dove forniva i “winners” e “losers” dell’ultimo aggiornamento del Panda 4.2. Spulciando tra la classifica trovavo domini del tutto “normali” con un aumento del traffico per una determinata key che andava completamente fuori il loro “core business”.

Oggi la serp per la Key “Bacheca incontri” vede in 7à , 8à ,9à posizione siti con un tema completamente diverso da quello che è il traffico che può provenire da una ricerca per la keywords “bacheca incontri“.

serp-bacheca-incontri1-300x168
Premesso fino a poco tempo fa (si parla di giorni) tutti e tre i siti sopra elencati erano vulnerabili al 100%. Ho contattato tutti e tre ed il primo Ok, hanno corretto. Il secondo, bravi anche loro ad aver corretto. Rimane l’ultimo, niente correzione quindi possiamo vedere.

pesceazzurro.it/dat/migliori-siti-di-incontri.html
**Update hanno anche loro risolto il problema.

ancora da sistemare:

ramirez.it/dat/arezzo-donne-incontri.html

 

Click! Vengo senza battere un ciglio, reindirizzato a una landing page per un servizio Dating Adult. Interessante vero? Se volete iscrivervi… poi mi dite come è. :)

Ora entriamo in azione.

E’ il momento di attivare il nostro User Agent. Impostiamo attraverso il plugin User Agent Switchter, Google Bot 2.1. Facciamo refresh della pagina e… da daaaa!

schermata-cloaking-300x138

Analizzando la pagina devo dire che hanno fatto un lavoro davvero di fino. La Struttura pagina non ha alcuna pecca per quanto riguarda il SEO on page ma, il testo è random quindi non comprensibile. Una struttura di link interni che porta a pagine su pagine senza mai finire. E google? E’ contento come una pasqua!

Di siti con la stessa struttura come elencata sopra, ce ne sono veramente tanti. Fancedo delle ricerche su google ne troverete a bizzeffe!

Arriviamo alla conclusione.

Con questo esempio secondo me possiamo dire che:

  • I link rimangono ancora il pilastro per fare ranking
  • Google ci parla di Contenuti di qualità ma, il testo spinnato và più che bene :)
  • il Seo On Page ha un valore molto importante (formattazione html e link interni)
  • dobbiamo ricordarci di aggiornare i nostri CMS e/o Plugin
  • queste tecnica Black Hat (redirect/cloaking) tanto combattuta da google, ancora funziona.

Ora stà a te, cosa ne pensi?

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[an error occurred while processing the directive]